Benvenuti!

Geopolis è un’associazione culturale dedita alla promozione della geopolitica a Bologna e in Emilia-Romagna.
La nostra squadra si compone di giovani professionisti, analisti e neo-laureati.

Ci piacciono e ci accomunano due cose: diffondere la geopolitica e creare eventi.
Siamo convinti che la geopolitica costituisca uno strumento fondamentale ed assai malleabile per conoscere le dinamiche di potere nel mondo che ci circonda.

Geopolis è accessibile alle aziende, alle scuole di formazione, ad associazioni culturali, fino a un pubblico di non addetti ai lavori ma di cittadini interessati.

Per noi, il modo migliore di trasmettere gli scenari della geopolitica sono le conferenze: ne organizziamo in diversi formati, portando al nostro affezionato pubblico esperti e relatori di qualità, che analizzano i conflitti, l’attualità nonché i grandi temi di dibattito internazionali.

Inoltre, ci occupiamo di sviluppare con professionalità il valore e l’innovatività dei nostri clienti: dal campo professionale a quelli comunicativo e legale. Ciò attraverso azioni e prodotti mirati alla tutela degli interessi particolari ed allo sviluppo di nuove opportunità nel nostro contesto territoriale di riferimento.


“Il livello delle conferenze di Geopolis è particolarmente alto, offrendo un livello di approfondimento che raramente si riscontra in conferenze di così breve durata: argomenti complessi sono presentati in modo accessibile ad un pubblico non specialistico”

“Seguire le conferenze di Geopolis consente di fare un passo indietro ed avere una visione meno schiacciata sul nostro orticello, riuscendo a riempire le sale con argomenti che di solito spaventano…”

Articoli recenti

Il primo campanello d’allarme: l’incidente di Samu

Per questa mini serie di articoli dedicati alla Guerra dei Sei Giorni inizieremo da un evento quasi sconosciuto ma di grande importanza nel contesto del conflitto arabo-israeliano: l’Incidente di Samu del 13 novembre 1966. Fin dalla fine degli anni ’40 i palestinesi furono uno dei principali motivi di attrito tra Giordania, Israele e i paesi … Leggi tutto Il primo campanello d’allarme: l’incidente di Samu

Recensione al saggio “In lode della Guerra fredda – una controstoria” (Longanesi, 2015) di Sergio Romano

“La fine della Guerra fredda liberava i popoli dell’Europa centrorientale dal giogo sovietico e tutti noi, in Europa occidentale, dall’incubo di una guerra nucleare. Sapevamo che il crollo del comunismo avrebbe provocato alcune crisi di assestamento, ma eravamo convinti che la libertà avrebbe garantito la pace europea. Non ci rendemmo conto, tuttavia, che l’Europa, nel … Leggi tutto Recensione al saggio “In lode della Guerra fredda – una controstoria” (Longanesi, 2015) di Sergio Romano

Turchia e Israele: l’inverno delle relazioni fra due dei più importanti paesi del Medio Oriente

Il 28 marzo del 1949 Israele ottenne il riconoscimento da parte di un paese molto importante, composto da una popolazione in maggioranza musulmana. Quel paese era la Turchia, primo nella regione mediorientale a riconoscere il neonato stato ebraico. Negli anni seguenti le relazioni fra i due paesi furono tutto sommato tiepide ma comunque costanti, tant’è … Leggi tutto Turchia e Israele: l’inverno delle relazioni fra due dei più importanti paesi del Medio Oriente

La Battaglia di Otranto. Sogno espansionistico nel sud Italia per gli ottomani, campanello d’allarme per gli stati della Penisola.

Quadro raffigurante la decapitazione degli 813 otrantini nella Chiesa di Santa Caterina a Formiello, Napoli Nel nostro quinto appuntamento facciamo un salto nel passato di oltre cinquecento anni parlando della Battaglia di Otranto del 1480, celebre tentativo di invasione dell’Italia da parte dell’Impero Ottomano. Partiamo subito dagli avvenimenti di quei giorni di metà estate del … Leggi tutto La Battaglia di Otranto. Sogno espansionistico nel sud Italia per gli ottomani, campanello d’allarme per gli stati della Penisola.

Altri articoli